sabato 20 gennaio 2018

Forza Bianchi, Forza Pro! Stendiamo un velo pietoso...


 
Anno nuovo, vita vecchia…
Al motto di “non sparate sulla Croce Rossa” preferiamo qui non addentrarci in maniera troppo approfondita nell’analisi della trasferta a Frosinone, terminata con l’ennesima umiliante sconfitta, questa volta per quattro a zero.

Che il Frosinone, lanciatissimo verso la conquista della serie A, sia a nostro parere la miglior squadra del campionato è un fatto.
Perdere ci stava, ma è il modo con cui si perde che fa la differenza.
A onor del vero bisogna dire che, anche se in modo farfugliato e sconnesso, i bianchi hanno provato in qualche modo a reagire allo strapotere dei padroni di casa, ma i risultati sono stati davvero scadenti.
Un reparto difensivo a dir poco imbarazzante in occasione di tutte le reti subite ed un attacco per l’ennesima volta inguardabile (il trio Raicevic, Morra, Polidori è qualcosa di increscioso…) hanno consentito ai laziali di trascorrere un sereno sabato calcistico contro il fanalino di coda.
E non facciamo finta di non esserci accorti dello svarione dell’arbitro che ci ha letteralmente graziato, non concedendo al Frosinone un sacrosanto rigore per fallo di mano di Konate…
Konate, che quest’anno ci è costato ben sei punti grazie ai suoi falli da ultimo uomo con conseguenti espulsioni (ed oggi graziato, anche perché era già stato ammonito).
E ancora Konate, che oggi è stato autore del più incredibile errore sottoporta del campionato, da cineteca degli orrori.
No comment.
Beh, qui ci fermiamo per non infierire ulteriormente.
Ci chiediamo solo fino a che punto i tifosi vercellesi dovranno subire umiliazioni da questi giocatori e da chi li ha scelti a vestire le gloriose maglie della Pro Vercelli.
ForSa Pro!

Fabio Sola - Vercelli YouthNews