sabato 9 dicembre 2017

Forza Bianchi, Forza Pro! | Un buon punto



Finalmente oggi a Venezia abbiamo rivisto una squadra volitiva e dignitosa che è riuscita a portare a casa un punticino, tornando a muovere la classifica.
Un pareggio giusto, in una partita equilibrata, giocata a viso aperto con parecchie occasioni da rete sbagliate da entrambe le parti.
Ah, chiariamo subito una cosa: non ricominciamo di nuovo a lagnarci per la sfortuna o per l’arbitraggio ed  evitiamo patetiche polemiche stile “Calimero”.
L’arbitraggio è stato sostanzialmente giusto, a parte la mancata ammonizione di Fabiano durante i minuti di recupero per un’evidente trattenuta su Castiglia a centrocampo.
Ma il risultato non è stato certo condizionato da questo episodio, siamo sinceri.
Peraltro la statistica dell’incontro parla chiaro: diciotto falli commessi dalla Pro Vercelli contro otto dei padroni di casa.
E allora? Vogliamo mettere in discussione anche i dati oggettivi?
Riguardo, poi, alle solite scuse riguardo agli episodi “sfortunati” che condizionano le nostre partite riflettiamo sul fatto che il goal siglato da Firenze è scaturito da un pasticcio difensivo del Venezia e da un clamoroso errore del portiere che ha letteralmente “regalato” il pallone a Firenze.
A dimostrazione del fatto che, nel corso del campionato, i cosiddetti “episodi” tanto di moda nelle interviste del dopo-partita per giustificare le proprie sconfitte, a volte girano contro e a volte a favore.
L’episodio odierno è girato a favore nostro, vero?
Piuttosto sarà bene riflettere su due questioni reali e concrete, che esulano da tante scuse e da parole a vanvera.
La prima è questa: se i ragazzi giocano sempre a viso aperto con la giusta grinta (come è stato oggi, come è stato a Novara o contro l’Empoli) possono competere con qualunque squadra.
La seconda: finchè i nostri attaccanti non imparano a fare il mestiere per il quale sono pagati (fare goal) continueremo ad annaspare in fondo alla classifica, perché sarà difficile portare a casa tre punti.
Anche oggi, per la miseria, abbiamo assistito a diverse ghiotte occasioni da rete sprecate in malo modo dalle nostre punte!
E, anche qui, la statistica viene a supporto di questa affermazione: basta guardare la classifica marcatori e vedere in che posizione si trovano i nostri attaccanti…
Nasce spontanea una riflessione: sono ormai tre anni che non abbiamo un marcatore degno di tal nome.
Con nostalgia ricordiamo l’ultimo nostro bomber: quell’Ettore Marchi che, grazie ai suoi goals, ci diede tante soddisfazioni e che, nel suo anno migliore, arrivò ad un passo dalla vittoria nella classifica assoluta dei marcatori di serie B (mancata per colpa della frattura al braccio a poche partite dalla fine del campionato).
Ricordiamocelo e paragoniamolo a tutti gli attaccanti che sono venuti dopo di lui…
A nessuno viene il dubbio che, negli ultimi anni, uno dei problemi maggiori della Pro Vercelli sia proprio la scelta di punte non all’altezza di un campionato di serie B?
Qui non è il caso di fare nomi, ma ognuno di voi sicuramente è in grado di immaginarli.
Qui non si tratta di “episodi” o di “la colpa è dell’arbitro”, ma di scelte ben precise della società nello scegliere i giocatori.
I migliori oggi? Vives, Mammarella  e Marcone.
Con questo chiudiamo, rimandando tutto a sabato prossimo quando al Piola arriverà uno Spezia in ottima salute.
Ovviamente i tre punti sono d’obbligo.
ForSa Pro!

Fabio Sola - Vercelli YouthNews