domenica 19 novembre 2017

Forza Bianchi, Forza Pro! | Double face


(foto di repertorio di Fabio Sola)

Partita a due facce della Pro a Pescara.
Premettiamo, comunque, che la sconfitta ci può stare: il merito, al di là della nostra prestazione, è tutto dei padroni di casa che hanno pienamente meritato il successo.
Il Pescara di Zeman si è dimostrata un’ottima squadra, in assoluto una delle migliori viste quest’anno e sicuramente verrà fuori progressivamente per contendersi la promozione in serie A.
Detto questo, ieri è apparso evidente che la formazione vercellese schierata da Grassadonia ha patito molto l’assenza dei due giocatori più esperti Vives e Mammarella.
Non c’è che dire: Vives è il vero faro della squadra, colui che mette ordine e da’ sicurezza ai compagni.
Ieri, soprattutto nella prima metà primo tempo, i ragazzi in campo sono apparsi disorientati e troppo passivi, subendo gli attacchi degli abruzzesi quasi senza opporre resistenza.
Poi, con il passare dei minuti, la Pro ha preso un po’ di coraggio rendendosi pure pericolosa con un ottimo colpo di testa di Castiglia, sventato per un pelo dal portiere locale ed un tiro alto di Germano (purtroppo spesso ci manca precisione nei tiri da lontano), ma nel complesso siamo apparsi troppo lenti.
Solo Vajushi, come al solito, ha provato a metterci la faccia con alcune azioni veloci, ma da soli non si va lontano.
Nonostante ciò abbiamo preso un goal prima del riposo, ma obiettivamente, ci sta.
Nella ripresa la squadra è apparsa più volitiva, ma il Pescara ci ha punito altre due volte con la complicità anche di una difesa non impeccabile.
Sul tre a zero, abbiamo rivisto la Pro che vorremmo sempre vedere: non rintanata in difesa, ma più aperta e coraggiosa.
E, infatti, è arrivata la rete di Morra ed altre azioni d’attacco che hanno messo un po’ in difficoltà il Pescara.
Troppo tardi.
Archiviamo, quindi, questa trasferta dal sapore amaro ma non troppo.
I ragazzi devono convincersi sempre più che, se giocano con coraggio e con spirito offensivo, nessuna squadra ci può far paura.
Ci vediamo sabato prossimo contro l’Entella: partita, ovviamente, da vincere!

Fabio Sola - Vercelli YouthNews