domenica 8 ottobre 2017

Forza Bianchi, Forza Pro! | Resurrezione!


(foto di repertorio di Fabio Sola)

Storica vittoria per la Pro Vercelli quest’oggi a Perugia: cinque pappine rifilate alla seconda in classifica che, dopo le cinque reti siglate domenica scorsa fanno dieci goals in due partite. Incredibile!
Dopo le perplessità e le critiche di inizio campionato (che, però, probabilmente sono pure servite a dare una scossa ai giocatori) ora è giusto tributare ai nostri ragazzi ed al tecnico Grassadonia il giusto merito per l’incredibile trasformazione di questa squadra, completamente diversa da quella insicura e balbettante di alcune settimane fa.
Oggi a Perugia i nostri leoni hanno condotto una gara ottima, quasi perfetta: nell’impostazione, nella grinta, nella precisione.
Ogni reparto ha dato il massimo in maniera encomiabile, spegnendo le voglie dei padroni di casa che avrebbero voluto farci a fettine.
Le cose sono andate diversamente ed ora sono a leccarsi le ferite, mentre noi torniamo a Vercelli con una consapevolezza che va oltre il grappolo di reti segnate: la squadra sta raggiungendo una maturità sempre maggiore e, soprattutto, una mentalità ed un gioco corale che non ci fa essere inferiori di fronte a nessuna avversaria.
Quindi è più che doveroso attribuire il giusto onore a Grassadonia: il tecnico campano, che ha rischiato grosso solo un mesetto fa, oggi ce lo teniamo be stretto.
Ed il motivo è presto detto: le vittorie e la trasformazione della squadra non sono frutto di episodi fortuiti, ma scaturisce dalla capacità di produrre gioco ed azioni da rete a ripetizione.
Diciamo le cose come sono: né l’anno scorso, né in quelli precedenti ricordiamo un gioco così costruttivo,  veloce e filtrante, bisogna riconoscerlo.
Oggi un plauso a tutta la squadra, indistintamente.
Se poi, per forza, vogliamo dare una stelletta al merito a qualcuno allora la diamo Castiglia (autore della doppietta), a Vajushi (onnipresente spina nel fianco degli avversari), a Vives, a Germano, a Legati…insomma bravi tutti!
Ora, però, torniamo con i piedi per terra senza montarci la testa, ma con la consapevolezza di non essere inferiori a nessuno.   
Ci aspettano due turni di seguito in casa contro Bari e Carpi, per mettere fieno in cascina.
Avanti così e ForSa Pro!

Fabio Sola - Vercelli YouthNews