sabato 1 aprile 2017

Forza Bianchi, Forza Pro! | Bali duri


(foto di Fabio Sola)
 
Grinta, cuore e concentrazione: sono stati questi gli ingredienti principali che hanno fruttato alla Pro una vittoria d’oro contro il temuto Bari, venuto a Vercelli con la speranza di fare bottino pieno, mentre invece se ne è tornato a casa con le classiche pive nel sacco.
In realtà il Bari visto al Piola oggi si è dimostrato ben poca cosa per una squadra che ambisce a salire in serie A.
Questo, comunque, non toglie nulla alla bella prestazione dei nostri che hanno tenuto in mano il gioco per quasi tutta la partita, sfiorando anche il raddoppio nel secondo tempo, con un palo interno colpito da Palazzi.
Una bella cornice di pubblico, con folta rappresentanza ospite, ma anche con la nostra Curva che, partita dopo partita, si sta riempiendo sempre più.
Finalmente il tifo sugli spalti sta ritornando a farsi sentire come Dio comanda, compreso il mitico incitamento “Forza Pro” urlato da tutti i settori.
Una nota di margine: per quale motivo, a inizio partita, non viene più messo il bell’inno della Pro Vercelli? A nostro avviso sarebbe giusto farlo risuonare.
Abbiamo detto grinta, cuore e  concentrazione ma anche una ritrovata fiducia nei propri mezzi, sicuramente grazie anche ai nuovi innesti di gennaio (Vives in primis) che hanno dato più solidità alla squadra.
Oggi bravi tutti.
Un encomio particolare all’autore della rete, Simone Emmanuello: un giocatore generoso, in progressiva crescita che quest’anno ha avuto un merito enorme.
Grazie ai suoi goals decisivi, infatti, abbiamo portato a casa almeno tre vittorie (che fanno nove punti), tra le quali – scusate se è poco – la storica vittoria sul Novara a tempo scaduto…
Insieme a lui eleviamo agli onori Ivan Provedel: il nostro portiere si sta confermando un grande portiere ed anche oggi ha salvato il risultato grazie ai suoi interventi (uno miracoloso a cinque minuti dal termine).
Un plauso anche alla difesa (Bani, Luperto, Legati), oggi davvero perfetti.
Positivo l’inserimento di Germano, al posto di uno stanco Aramu, che ha dato subito vivacità e velocità alla squadra (quello che manca ancora in attacco, sulle fasce).
Ottimo Vives, bravo Bianchi per l’impegno, discreto Aramu che alterna buone giocate a momenti opachi (inoltre non riesce a reggere i novanta minuti di gioco, segno di scarsa preparazione atletica).
Comunque, con sette risultati utili consecutivi, ora respiriamo aria meno pesante in classifica e possiamo sperare in un finale di stagione meno stressante dal punto di vista cardiologico.
L’importante è non abbassare la guardia e continuare con questo spirito.
ForSa Pro!     

Fabio Sola - Vercelli YouthNews