sabato 1 ottobre 2016

Forza Bianchi, Forza Pro! | Sempre in bilico...

(foto di Fabio Sola)
La Pro torna da Avellino rimediando una brutta sconfitta contro l'ultima in classifica.
Gli irpini, in realtà, si sono dimostrati tutt'altro che irresistibili, ma contro una Pro Verc
elli distratta e poco incisiva, hanno avuto comunque gioco facile nel portarsi a casa i tre punti in palio.
Purtroppo, per l'ennesimo anno, dobbiamo abituarci a vedere alternarsi buone prestazioni (come quella scorsa contro il Cesena) ad altre mediocri (come quella di oggi). 
Incredibilmente, nelle interviste del dopo-partita, anche lo stesso Varini ha criticato aspramente la squadra per la deludente prestazione.
Non possiamo certo essere in disaccordo con le parole del direttore sportivo, ma crediamo che sia il caso di essere un po' più specifici e di dire chiaramente che il principale motivo della costante difficoltà della Pro ad avere un rendimento costante sia uno in particolare.
Il problema fondamentale di questa squadra, ormai da tempo immemorabile, è la mancanza di un centrocampo all'altezza della serie B. Punto.
Uno o due centrocampisti che siano in grado di prendere in mano le redini del gioco e di fare da punto di riferimento per gli attaccanti, in modo che questi abbiano a disposizione palloni giocabili.
Ne abbiamo basta di mezzi centrocampisti ingenui e senza personalità. Non pretendiamo giocatori alla Pirlo, ma almeno qualcuno con i piedi al posto giusto che sappia inserirsi con coraggio tra le maglie avversarie e che abbia una visione di gioco coraggiosa che vada oltre al passaggio di cortesia al compagno a fianco.
Centrocampisti che, magari, ogni tanto siano in grado di tirare in porta anche da lontano.
Non vogliamo gettare croci addosso a nessuno, ma certamente la partita di oggi è stata negativamente condizionata da pessimi errori di ingenuità e distrazione da parte di due centrocampisti: Palazzi ed Emmanuello.
I nostri attaccanti hanno fatto il possibile per rimediare, ma non è stato sufficiente.
Pertanto Varini ha ragione a lamentarsi ed a spronare i suoi, ma la dirigenza dovrebbe anche fare "mea culpa" perché negli ultimi due anni non ha mai dotato questa squadra di un centrocampo all'altezza di questa categoria.
E questo aspetto, non è secondario ma basilare.
Per il resto, archiviamo questa sconfitta pensando al prossimo incontro casalingo contro la Ternana e, soprattutto, alla partita successiva contro il Novara.
Saranno in grado i nostri ragazzi di inanellare un filotto di due vittorie per alimentare la nostra fiducia?


Fabio Sola - Vercelli YouthNews