lunedì 5 settembre 2016

Forza Bianchi, Forza Pro! | Un punto d'oro


(foto di Fabio Sola)

Senz’altro un punto d’oro, quello ottenuto domenica sera dalla Pro Vercelli sul difficile campo di Trapani.
Lo diciamo subito chiaro e tondo, al netto dei soliti pseudo tifosi che, già alla seconda giornata, hanno messo già in moto la solita logorante litanìa di critiche e di giudizi pessimistici.
Questi “moderni Soloni”, li lasciamo parlare al vento mentre è bene, invece, essere realisti e giustamente ottimisti nei confronti di questa squadra che, al netto di un oggettivo bisogno di rodaggio e miglioramento, ci piace sempre più.
Questa volta, a differenza delle precedenti partite, abbiamo visto una Pro migliore nel primo tempo e un po’ in affanno nel secondo (i crampi di Mammarella ed il calo fisico di alcuni altri elementi ne sono la prova evidente), ma nel complesso abbiamo visto una Pro dignitosa.
Nella prima frazione di gioco si è davvero vista un’ottima squadra: veloce e coraggiosa, che ha impedito ai padroni di casa di impostare il loro gioco.
Nel secondo tempo i bianchi hanno subìto la prevedibile reazione dei siciliani e, per circa un quarto d’ora (fino al goal di Coronado), hanno perso un po’ la bussola.
Successivamente, però, i nostri ragazzi sono riusciti a non perdere la testa (come avveniva spesso l’anno scorso) riuscendo a contenere l’offensiva del Trapani.
Migliore in campo per i bianchi il portiere Ivan Provedel che ha salvato il risultato, compiendo alcuni interventi provvidenziali e dimostrandosi sempre sicuro ed attento (incolpevole in occasione del goal subìto).
Il nostro portiere ci piace sempre di più e, al momento, non fa rimpiangere Pigliacelli.
Bene Vajushi, autore della rete dei bianchi, veloce ed incisivo sulla fascia. Finalmente (insieme a Mustacchio) un furetto capace di pungere le difese avversarie.
Nel secondo tempo, complice la stanchezza, è stato sostituito, ma il ragazzo si sta rivelando un valido innesto per la Pro.
Dopo due partite la Pro Vercelli è ancora imbattuta e l’impressione che ne abbiamo ricavato ci fa ben sperare per il proseguo del campionato.
A nostro avviso, ribadiamo la necessità di non mollare la presa sulla preparazione atletica dei giocatori: la tenuta fisica per tutti i novanta minuti di gioco è fondamentale. Crampi e giocatori appannati per la stanchezza sono un piccolo campanello d’allarme, utile a lavorarci sopra.
Per il resto si sente ancora la mancanza del “solito” centrocampista d’esperienza, capace di prendersi le proprie responsabilità (che nostalgia di Giannino Fabiano, ceduto con troppa leggerezza dalla società…).
Bisogna farsene una ragione: Castiglia non è assolutamente all’altezza. Buone impressioni, invece, per Palazzi che osserviamo con fiducia.
Intanto sabato prossimo arriva il Cittadella, da affrontare a viso aperto senza timore.
ForSa Pro!
Fabio Sola - Vercelli YouthNews