domenica 18 settembre 2016

Forza Bianchi, Forza Pro | Signor Secondo, siamo già in fondo!

(foto di Fabio Sola)
E così ci troviamo già alla quarta giornata di campionato ad essere il fanalino di coda.
Lo diciamo per dovere di cronaca, intendiamoci.

Non vorremmo mai che, magari, Massimo Secondo la prendesse come un offesa personale, suscettibile com’è a qualsiasi critica...
Anche perché, sentendo i commenti del dopo partita di Spezia –Pro Vercelli da parte del presidente stesso e di Longo, siamo tornati alle solite litanìe riferite a veri o presunti errori arbitrali, episodi sfortunati e a chissà quali trame perpetrate contro di noi.
Del resto, dopo le cinque pappine che ci siamo dovuti sciroppare domenica scorsa, abbiamo dovuto pure digerire la patetica scusa di Varini, il quale ha dato la colpa nientemeno che al “caldo”…!!!
Una vera e propria offesa all’intelligenza dei tifosi vercellesi.
Quindi anche oggi contro lo Spezia tutto bene? Il pasto è stato “buono e abbondante”?
Noi non crediamo proprio…
La realtà è piuttosto evidente, nella sua crudezza: finora la squadra non è stata per niente all’altezza e sta mostrando parecchi limiti.
Alcuni giocatori fondamentali, come Mammarella e Budel , non sono assolutamente in condizione e se non girano loro, sono dolori per tutti. Temiamo che il peso dell’età cominci ad essere un problema.
La coppia difensiva centrale, formata da Legati e Bani, sta mostrando parecchi limiti tanto che siamo la difesa più perforata della serie B (a proposito, non sarebbe ora di far giocare il promettente Luperto?).
A centrocampo manca (ormai da tempo immemorabile) qualcuno che sia in grado di prendere in mano le redini del gioco.
Ma Varini continua a dire che siamo a posto così….
In attacco forse le cose vanno un po’ meglio, ma l’intesa è ancora da migliorare: Mustacchio alterna spunti interessanti a momenti di nervosismo e imprecisione.Morra possiede buoni numeri, ma finora ha mostrato ancora troppa inesperienza. Vajushi sta evidenziando buone doti, così come La Mantia che, a nostro avviso, meriterebbe di essere utilizzato a tempo pieno.
Ebagua per ora non pervenuto, ma non è certo per colpa sua se ora siamo ultimi.
Riguardo, invece, alla condizione atletica generale della squadra, l’impressione iniziale era stata quella di una preparazione più tosta rispetto a quella dell’era Scazzola e Foscarini, quando i nostri pagavano regolarmente dazio agli avversari nel corso del secondo tempo di ogni partita.
Ora non ne siamo più tanto sicuri, in quanto gli ultimi incontri hanno evidenziato un calo proprio nei secondi quarantacinque minuti di gioco.
Lacrime, sangue e sudore sono indispensabili per questa squadra che ha l’obbligo di compensare le lacune tecniche con la carica agonistica: se manca anche questa, è finita.
Se invece finora è stata davvero sfortuna, se gli arbitri ce l’hanno avuta veramente con noi o se ha fatto davvero troppo caldo (solo per noi, s’intende…), allora vorrà dire che le prossime due partite contro Benevento e Cesena ci rimetteranno in carreggiata, no?
Lo speriamo.

Fabio Sola - Vercelli YouthNews