martedì 23 agosto 2016

Tanti auguri Nuova Vecchia Pro!


A tre giorni dall'inizio del quarto campionato di serie B giocato dalla Pro Vercelli, in epoca moderna, cosa possiamo dire per prima cosa, se non augurare ai nostri Leoni tutto il meglio?

Siamo sinceri, tutti, compresi quelli con la costante puzza sotto al naso: solo pochi anni fa chi avrebbe scommesso un solo centesimo sul ritorno della Pro nel calcio professionistico? E chi avrebbe detto che ci sarebbe rimasta per tre anni su quattro?
La risposta è facile: nessuno.
Ebbene alla vigilia del quarto anno tra i "grandi" è giusto che ogni tifoso vercellese si ponga con lo spirito giusto di fronte alla Pro Vercelli.
Vada tutto il rispetto e la fiducia ai ragazzi che vestiranno le gloriose bianche casacche, al neo allenatore Longo, ai suoi collaboratori e ai dirigenti della società, con in testa il presidente Secondo.
Non nascondiamolo: noi vercellesi siamo abbastanza brava gente, ma parecchio "rompini"...
Il nostro sport preferito, più ancora che il calcio, è la critica.
Sempre e comunque, a prescindere, dobbiamo criticare.
E questo non è bello, né tantomeno utile: semplicemente controproducente.
Ebbene: un augurio particolare alla vigilia di questo campionato è rivolto proprio ai tifosi vercellesi, affinché cambino quella mentalità criticona e spesso distruttiva per lasciare posto ad un atteggiamento positivo, paziente ed entusiasta verso la nostra Vecchia Nuova Pro.
Questa Nuova Pro pare diversa dalle precedenti.
L'arrivo di Moreno Longo alla guida della squadra ha dato una ventata nuova, un'impronta diversa e più incisiva che non abbiamo mai visto negli allenatori precedenti.
La rosa non ha nomi altisonanti, ma ha parecchi giovani "buoni" che potrebbero sbocciare sotto la guida del motivatissimo Longo.
Unitamente ad alcuni elementi esperti e con l'auspicabile arrivo di quel centrocampista "dai piedi buoni" che stiamo aspettando da tempo e che ci servirebbe come il pane, questa Pro ha le credenziali per poter affrontare questo campionato con maggiore tranquillità rispetto agli anni passati.
Questa, almeno, è la nostra impressione.
Buon campionato a tutti, dunque: a chi scenderà in campo e a chi riempirà (si spera) lo stadio Piola.
Ah...e non dimentichiamoci che il buon Dio ci ha donato delle corde vocali ed una voce.
Utilizziamola al meglio, magari più spesso rispetto al passato, per incitare i nostri Leoni e per far risuonare nello stadio il mitico grido "Forsa Pro!".  

Fabio Sola - Vercelli YouthNews