domenica 28 agosto 2016

Forza Bianchi, Forza Pro! | Bicchiere mezzo pieno?


(immagine di Fabio Sola)
Al termine dell’incontro d’esordio contro l’Ascoli, come possiamo considerare il bicchiere: mezzo pieno o mezzo vuoto?

Beh, onestamente, per come si erano messe le cose, noi optiamo per il primo.
Al cospetto di un pubblico abbastanza numeroso, l’Ascoli si è dimostrata una compagine compatta ed ordinata, dotata di velocità e di un attacco pericoloso.
Per contro i bianchi non avrebbero meritato la sconfitta.
Nonostante alcuni errori di troppo, soprattutto nel primo tempo, si è vista comunque una buona Pro che, come nelle partite precedenti, ha dato il meglio di sé nel secondo tempo, mettendo alle corde gli avversari alla distanza.
Ennesima conferma dell’ottimo lavoro dell’allenatore Longo e del suo staff, basato su una tonica preparazione atletica, al contrario dello scorso anno quando puntualmente i nostri cedevano dopo i primi quarantacinque minuti di gioco.
Ma non solo: oltre ad una buona tenuta atletica, abbiamo notato un gioco dinamico, fatto di triangolazioni e scambi veloci che, inevitabilmente, hanno creano interessanti occasioni da rete.
Certo manca ancora da perfezionare l’intesa e gli schemi, ma questo migliorerà sicuramente nel tempo.
Abbiamo notato, però, un certo nervosismo in alcuni giocatori, peraltro ripresi prontamente dall’attento Longo: Mustacchio su tutti.
L’attaccante vercellese è una pedina preziosa (e lo ha dimostrato per l’ennesima volta in occasione del goal, propiziato proprio da una sua trascinante azione personale), ma non deve commettere l’errore di montarsi troppo la testa.
Si è mostrato troppo nervoso, falloso e con atteggiamenti che, se ripetuti, potrebbero creare problemi all’economia della squadra.
Serve più calma ed umiltà. Solo così Mustacchio potrà davvero dare il meglio di sé ed essere la spina nel fianco degli avversari.
Stesso discorso per Castiglia: ennesimo cartellino giallo, rimediato per un brutto ed inutile fallo a gamba tesa a centrocampo (brutto vizio che gli era costato già diversi cartellini gialli nel corso della scorsa stagione).
Purtroppo a centrocampo si nota sempre l’assenza di un “regista” vero, cosa che Castiglia ha ormai dimostrato di non riuscire a fare.
Buone impressioni, invece, per il portiere Provedel (incolpevole per la rete subìta) ed autore di un vero miracolo nel primo tempo.
Bravi anche Vajushi sulla fascia sinistra (con La Mantia ha dialogato più volte in velocità creando diversi grattacapi alla difesa avversaria) e l’onnipresente Germano, preciso e veloce come sempre.
Palazzi ha dimostrato buona personalità, pur con qualche incertezza mentre Morra ha evidenziato un fiuto del goal che potrebbe farci sognare (peccato per il mancato aggancio in rete a tempo scaduto: sarebbe stata la sua apoteosi!).
Nel complesso una buona Pro Vercelli che fa ben sperare.
Le basi ci sono, si può costruire qualcosa di bello in questo campionato.
ForSa Pro!

Fabio Sola - Vercelli YouthNews