venerdì 11 settembre 2015

Greatest Band Tour | Kiss

"You wanted the best, you've got the best! The hottest band in the world: KISS!"

- Speaker all'inizio dei concerti

 

Da sinistra: Gene Simmons, Tommy Thayer, Eric Singer, Paul Stanley


I Kiss sono uno dei gruppi più importanti del panorama musicale mondiale. Il punto di forza della band, come si può vedere nell'immagine, sono le esibizioni in pubblico, dei veri propri spettacoli con fuochi d'artificio, giochi di fuoco, cavi che sospendono sul pubblico i chitarristi durante gli assoli e, ovviamente, i famosi costumi neri - argento con tanto di zeppe e trucco facciale, divenuti ormai il simbolo del gruppo. La fama dei Kiss è dovuta soprattutto alle figure dei fondatori Paul Stanley e Gene Simmons: i due musicisti, infatti, oltre ad essere i principali scrittori del gruppo, si sono dimostrati anche dei veri e propri uomini d'affari, riuscendo a creare un'industria fondata sullo storico marchio del gruppo. I fan dei Kiss sono ancora numerosissimi e non verranno di certo delusi dal gruppo che, dopo 42 anni, continua ancora a emozionare il pubblico di tutto il mondo con concerti spettacolari.

Storia

 

Nel 1972 il bassista Gene Simmons e il chitarrista Paul Stanley, terminata la loro esperienza con i Wicked Lester, decisero di fondare un nuovo gruppo: i Kiss. Ai due si aggiunse poco dopo il batterista Peter Criss e, dopo un provino che stupì gli altri membri, anche il chitarrista solista Ace Frehley. L'idea dei fondatori Simmons e Stanley era quella di creare un gruppo sulla falsa riga dei Beatles, in cui tutti e quattro i membri dovevano scrivere e cantare. A questa idea si aggiunse inoltre quella particolare di travestirsi e truccarsi dipingendosi la faccia di bianco con i particolari in nero: Simmons decise di mascherarsi da vampiro, Stanley da "figlio delle stelle", Frehley da "uomo dello spazio" e Criss da gatto.

L'album di esordio, "Kiss", uscì l'anno dopo. Il disco, abbastanza "duro" per l'epoca, fu accompagnato da una grande campagna pubblicitaria che però non servì molto. Al contrario, i Kiss divennero presto famosi per le loro esibizioni live, dove, come già detto, oltre ai travestimenti che incuriosivano il pubblico, erano frequenti gli usi di fuochi artificiali e giochi di fuoco. Inoltre, anche i membri del gruppo diventarono dei veri e propri "showmen", eseguendo numeri inusuali per una band hard rock: Simmons, ad esempio, divenne famoso per gli sputi di fuoco o sangue sintetico, mentre Freheley equipaggiò la sua chitarra Gibson Les Paul di un dispositivo che permetteva di rilasciare fumo e petardi. 

Visto che le vendite dei dischi, al contrario dei concerti, non raggiungevano i successi sperati, nel 1975 venne pubblicato il primo disco live, "Alive!". Fu un enorme successo che spianò la strada ai successivi dischi e resero i Kiss una delle band più popolari in America, persino al pari degli Aerosmith. Grazie a questa improvvisa ondata di fama Paul Stanley e Gene Simmons, che volevano ottenere un ulteriore ricavo, iniziarono a vendere oggetti (da semplici gadget fino a persino bare da morto) col marchio "KISS", che divenne presto un marchio registrato. 

Dopo svariati album di notevole successo, nel 1978 i Kiss decisero di pubblicare un album solista per ogni membro. I dischi vennero pubblicati in contemporanea e sulla copertina di ognuno figurava l'immagine del musicista, ovviamente truccato, e la scritta "KISS", in modo da sottolineare che i dischi, pur essendo solisti, erano collegati alla storia del gruppo. Gli album non ottennero molto successo e la popolarità del gruppo calò lievemente, ma a riportarla ai livelli di prima (se non superiori) fu l'album successivo, "Dinasty", contenente dei classici come "I Was Made for Lovin' You".

Durante le registrazioni di "Dinasty", però, vennero alla luce i primi problemi dei Kiss. Infatti, sempre più sovente la band decise di sostituire Peter Criss con dei turnisti a causa dei problemi di droga del batterista, che venne rimpiazzato nel 1980 con Eric Carr che adottò il costume delle volpe. Come se non bastasse, anche i successivi album videro un sensibile calo nelle vendite. La situazione portò così a numerosi litigi tra Ace Freheley e i due leader del gruppo che culminarono nel 1982 con l'uscita di Ace.

Il posto di chitarra solista venne così preso da Vinnie Vincent, il guerriero egiziano, a cui si deve la "rinascita" dei Kiss. Vincent, infatti, era un ottimo chitarrista, ma ancora di più un eccellente compositore che riuscì a scrivere due degli album più famosi e belli della storia dei Kiss: "Creatures of The Night" e "Lick It Up". Ma la popolarità che rapidamente colpì il chitarrista non piacque ai due membri fondatori, ormai posti in secondo piano. Simmons e Stanley decisero così di licenziare Vincent che fece causa al gruppo per dei diritti d'autore negati, ma perse la causa.

La formazione, con Bruce Kulick alla chitarra, entrò quindi in un nuovo periodo di fama, la cui fine però non si fece attendere: si dovette aspettare solo fino al 1991 quando Carr scoprì di avere un cancro al cuore. Nonostante le cure sembrassero fare effetto, il batterista morì nel novembre dello stesso anno a causa di emorragie celebrali lasciando scioccati tutti i membri del gruppo.

I Kiss decisero così di sostituire il defunto Eric Carr con il batterista di scuola heavy metal Eric Singer. Il nuovo arrivo influenzò molto lo stile degli album successivi che acquisirono un sound decisamente più duro che piacque molto ai fan. Ma l'album "Carnival of Souls" fece calare di nuovo la popolarità della band: il disco, infatti, aveva uno stile decisamente diverso da quello dei Kiss, e l'esperimento non piacque al pubblico. Nel 1996, per riacquisire la popolarità perduta, i Kiss, in occasione dei Grammy Awards, decisero di riunirsi con la formazione di nascita e rimettendo in uso maschere e costumi che erano stati abbandonati nel 1983.

Il tour di "inaugurazione" della formazione fu un successone: gli incassi raggiunsero cifre stellari e tutti volevano rivedere la vecchia formazione ritornare a suonare come a un tempo. Nel 2003, però, i problemi che avevano causato l'uscita del chitarrista e del batterista dal gruppo si fecero risentire e, nel giro di un paio di anni, sia Criss che Freheley uscirono dal gruppo.

I Kiss decisero così di riprendere alla batteria Eric Singer, mentre come chitarrista fu scelto Tommy Thayer. La formazione, risalente al 2004, è rimasta invariata fino ad ora, continuando a produrre album e DVD e, ovviamente, a fare concerti per tutto il mondo dove una folta schiera di fan li segue. I Kiss sono molto popolari anche in Italia, dove, con gli ultimi tour, hanno fatto registrare tre "Sold Out" su tre (due al Forum di Assago e uno all'Arena di Verona).

Formazione

Formazione attuale

Paul Stanley - voce, chitarra ritmica (1973 - presente)
Gene Simmons - voce, basso (1973 - presente)
Tommy Thayer - voce, chitarra solista (2003 - presente)
Eric Singer - voce, batteria (1991 -1996; 2004 - presente)

Ex-membri

Ace Freheley - voce, chitarra solista (1973 - 1982; 1996 - 2002)
Vinnie Vincent - voce, chitarra solista (1982 - 1984)

Bruce Kulick - voce, chitarra solista (1984 - 1996)
Peter Criss - voce, batteria (1973 - 1980; 1996 - 2004)
Eric Carr - voce, batteria (1980 - 1991)

Canzoni consigliate

 

  1. Rock and Roll All Nite
  2. I Was Made for Lovin' You
  3. I Love It Loud
  4. Black Diamond
  5. Detroit Rock City
  6. Deuce
  7. Love Gun
  8. Heaven's on Fire
  9. Beth
  10. New York Groove 
Matteo Dalla Stella - Vercelli YouthNews