lunedì 29 giugno 2015

Una notte che "risveglia" Vercelli

La magia delle fontane, lo street food e l'apertura serale dei negozi. Il successone della "Notte Bianca"


Un successone. Così tante persone, per le strade della città, non si vedevano da tempo. In una serata si sono concentrati così tanti eventi, di tutti i gusti, da non far riuscire a restare nelle proprie case quasi nessuno.
Una notte che ha viaggiato di paripasso tra la strada ed i social. Ma andiamo con ordine.
Già nel pomeriggio di venerdì in piazza Cavour si affollavano i primi capannelli di persone di fronte alle bancarelle dello street food appena posizionate. è l'inizio di un weekend difficilmente dimenticabile che protrarrà la sua eco, con molta probabilità, nelle settimane a venire.
Il passaparola viaggia, grazie in particolare agli abituali frequentatori del venerdì sera e, nella giornata di sabato, si registra il "boom".

 
Nel pomeriggio i preparativi, mentre in Arca il sindaco, insieme agli altri assessori e le personalità di rilievo, presetava la mostra biennale Italia-Cina, procedono regolarmente. Eccezion fatta per il gruppo musicale in Via Galileo Ferraris che ha visto uno stop forzato durante la coreografia in piazza S.Marco, per non "intralciare" lo svolgimento dell'inaugurazione.
Intorno alle 20, Corso Libertà non sembra più quello di tutti i giorni, è affollato molto più di un qualsiasi giorno di mercato. Le persone sono tante, tantissime. Si cammina con un po' di difficoltà e quasi tutti, lentamente, si avvicinano a Piazza Zumaglini dove l'allestimento dello spettacolo "Fontane danzanti" è ormai quasi giunto al termine. 


La "magia" che incanta la piazza è durata più o meno tre quarti d'ora. Il tam-tam sui social network, Facebook in primis, è stato immediato. Tant'è che ci chiediamo se, tra i presenti, gli unici a guardare lo spettacolo con i propri occhi fossero i bambini. Un'occhiata rapida sulla folla bastava per notare un mare di smartphone, alternati a qualche fotocamera (le nostre incluse!) e gli occhi affascinati, tiepidamente illuminati dalla calda e sporadica luce del getto infuocato che, in contemporanea a particolari passaggi della musica di sottofondo, si alternava all'acqua o si muoveva simultaneamente.


"Che bello vedere la città così piena di vita" - echeggia nelle vie della città - "Mai vista tanta gente così", "Dovrebbero organizzare serate così molto più spesso" rimbomba sulla piazza, questa volta virtuale.
Ma in questo mare di felicità, un'appunto negativo c'è. La nota dolente delle zanzare. Sempre presenti, quest'anno in particolare dopo i dubbi (ora fortunatamente spariti con i fondi stanziati dalla regione per l'area urbana) sulla lotta che da anni si combatte contro i terribili e fastidiosi insetti.

Samuele Giatti - Vercelli YouthNews

Guarda la fotogallery 
[prossimamente online il video delle fontane]